Claire

By Claire On

In TEATRO

Tagged in

Vado a vivere a Parigi

     – Però Parigi ha il cuore freddo, non vorrei che ti scottassi

  Lasciami fare, si vedrà

– Spero di non vederti più

  Che intendi?

– Non mi va di aver pena per te se non riesci…

      Presuntuoso da parte tua

– Cosa?

  Provare pena per gli altri. Cosa ne sai di come stanno gli altri?

– Se ti vedo piangere…

Che ne deduci? La deduzione mica è empatia -non stai nei miei panni cazzo.

– In realtà oggi ho preso la tua camicia… e anche il reggiseno che fa le tette enormi

 Ti hanno guardata di più?

– Sì, a dire il vero. Dovevi vedere il macellaio!

 Strano

– Perché strano? Lo dici anche tu che fa sempre colpo

Strano che un macellaio non sia già abbastanza nauseato...

– Dalla carne?

   Già. E` un pò triste

– E` triste che le tette abbiano tanto potere

      Le tette o le marche di reggiseni?

– Già. E` un serpente che si sgranocchia il sonaglio

Le top model dovrebbero scioperare

– Per tutte noi!

Anche le operaie dei reggiseni, e le commesse, e le pubblicitarie

– Ma cosa dici, loro non possono

Perchè?

– Con quei contratti lì? Zitta va per piacere

Non c’è lavoro che non somigli alla prostituzione

– E tu cosa speri di trovare a parigi?

         …

Ci sono tombe importanti

– Ecco, ti fai due chiacchiere con Modigliani

Chissà che ne pensa dei reggiseni di oggi, delle donne di oggi

– …Oh se sarebbe bello!

Cosa?

Cosa? Scusa, immaginavo

   Cosa?? 

– Di essere un Modigliani

E come ti vedi?

– Elegante e primitiva. perfetta.

E` la cornice che potenzia. Chissa se Parigi è quella giusta…

– Parigi è una vecchia intellettuale

Serve una cornice… per inquadrare bene le cose

– Ora non farne una questione filosofica, torna alle tombe

     Porterò dei fiori a Modì e gli racconterò dei reggiseni

– Perchè?

Deve sapere

– Devo andare sai, si sta facendo tardi

Già.

Già cosa?

Già tardi

 

Illustrazione originale di FABRR

Interpreti: Roxana Elena & Claire Minipaniers

Soggetto e testo di Claire

Musica-rubata-con-intento-dissacratorio:

Moulin, Yann Tiersen

Previous Story
Controtempo