Claire

By Claire On

In MULTIMEDIA

Tagged in ,

Non so più cucinare.

Non è un dramma ma bisogna prenderne atto. L’Atto, manca. In Potenza potrei cucinare.

Ho i fornelli, la coop sotto casa -la hoop sotto hasa. Ho mani e pentole e una mamma a cui telefonare. Ma non succede niente. Tutto resta intasato nel traffico delle possibilità, e non ne viene fuori nulla. Piadina crudo, Philadelphia e rucola. C’è un mondo pieno di torte là fuori, di pasta fatta in casa. Tocca farci i conti. Il conto per favore. Ma che ci faccio qui? Un altro ristorante vegetariano…  Perché finisco sempre nel posto sbagliato?
torte (1)

Mi sento in colpa.

Perché ho quasi trent’anni e sono sola. Devo essermela cercata. Forse passo troppo tempo fuori casa… Forse faccio troppo, forse viaggio troppo, forse mangio troppo, forse lavoro troppo, forse pretendo troppo. Lo so: parlo troppo. Penso troppo. Parlo troppo di quello che penso.

Dovrei fare più torte.

Dovrei essere più torta nella vita. Dolce, soffice e invitante. Farmi leccare la panna, mordere le ciliegine.

Memo per i 30: imparare a fare tutto a mano, a lasciarmi dare una mano. Infornare. Sfornare bambini? Smettere di bere. Farmi accarezzare il pancione. Scodinzolare. Un cane! Quanto vorrei un cane… Così non avrei più tempo per cucinare.

Previous Story
Spirito di Patate!